airbag

La sicurezza, è la prima cosa quando si parla di due ruote, possa essere una moto o uno scooter, perché purtroppo, quando si tocca l'asfalto ci si fa male. Ci si fa male per la caduta, perché 40 o 60 o 80 Km/h, sono uguali, a prescindere dal mezzo che si utilizzi. Se il casco è obbligatorio per legge da diversi anni, ed ormai ci hanno fatto l'abitudine ad indossarlo anche gli incoscienti "amanti del vento tra i capelli" - qui trovate la nostra selezioni di caschi in offerta - non si può dire la stessa cosa per gli altri sistemi protettivi, troppo spesso, non utilizzati.

Le protezioni essenziali: il paraschiena

Oltre al casco, cosa si può indossare per essere protetti in caso di incidente con un altro veicolo o qualora si scivoli? Iniziamo con il dire che la cosa più importante, per evitare o quantomeno ridurre i traumi spinali, è il paraschiena - qui trovi le migliori promozioni! - Ne esistono di diversi tipi, sia morbidi che rigidi, dotati di omologazione di livello 1 o omologazione di livello 2. I più protettivi sono quelli "a bretella", che possono essere indossati sopra la maglia o la felpa, sotto la giacca. Coprono da sotto al collo, fino alle terga ed in caso di impatto riescono a dissipare al meglio l'impatto. Meno protettivi, sono invece quelli da interno giacca - qui trovi le nostre offerte -, che trovano spazio nell'apposita tasca del giubbino stesso, ma che come accennato, non proteggono la parte lombare.

Le protezioni di "contorno"

Dopo il casco ed il paraschiena, ci sono le protezioni che potremmo definire "di contorno", ovvero tutte quelle che coprono le articolazioni. Abbiamo dunque le ginocchiere - qui le offerte - le gomitierequi le promo - ma citiamo anche i guanti con protezioniqui la nostra selezione - scarpe e stivali, ed ovviamente le giacche ed i giubbini che inglobano già gomitiere e spalline. Volendo poi, esistono anche giacche estive, traforate, così da poter essere protetti anche nella stagione più calda.

Il futuro: l'Airbag

Esiste qualcosa di ancora più protettivo e completo? Assolutamente sì, ed ha il nome di Airbag! Deriva naturalmente da quello delle autovetture, ma è sviluppato appositamente per gli utenti a due ruote. Non è ancora (purtroppo...) obbligatorio per legge, ma lo è ad esempio nel Campionato Italiano Velocità (dal 2020 per essere precisi) e già dal 2018 nella Classe Regina, la MotoGP. Questo per farvi capire l'utilità di questo prodotto. Parliamo di Airbag studiati per le tute in pelle, ma è già da diversi anni che sono presenti sul mercato per l'utenza "normale", ovvero per coloro che circolano sia su strada che in pista, possa essere a livello amatoriale che per fare le gare.

bmw
bmw

2020, bocciati gli incentivi statali, ma noi vi proponiamo l'offerta!

E' notizia di pochi giorni fa, una decisione del Governo italiano. Quando tutto sembrava concluso, la beffa. Parliamo dell'emendamento a firma del deputato del M5S Nunzio Angiola, che aveva deciso di introdurre dei veri e propri incentivi per chi avesse voluto acquistare un Airbag, sia per il conducente, che per il passeggero. Citiamo: "Tali utenti vulnerabili - si leggeva nella nota del deputato Angiola - rappresentano nel complesso circa il 24% dei morti sulle strade (793 su un totale di 3.325 morti) secondo i dati statistici raccolti dall’Istat per l’anno 2018; un numero complessivo di 793 morti, di cui 685 motociclisti e 108 ciclomotoristi, 208 dei quali con età compresa tra i 15 ed i 30 anni. Inoltre, se si considera il dato statistico relativo ai decessi dei soli conducenti di motocicli e ciclomotori il predetto rapporto percentuale sale a circa il 34%, considerato che i conducenti di motocicli e ciclomotori deceduti sono 758 su un totale complessivo di 2.253 conducenti morti alla guida di tutte le categorie di veicoli. Sono oltre 54.000, invece, i feriti a seguito di sinistri sulle due ruote. È necessario - continuava il deputato Angiola - sollecitare all'uso degli strumenti di protezione di ultima generazione, quali i dispositivi di protezione individuale airbag, i cui costi, non proprio contenuti".

L'emendamento prevedeva un incentivo fino a ben 250 euro per l'acquisto di Airbag moto. Constava infatti fino al 50% su un massimo di 500 euro di spesa per tutti coloro che avrebbero acquistato questi dispositivi di protezione individuale, compresi quelli integrati nei capi di abbigliamento. Per finanziare i bonus (erano due, poiché l'altro, ancora in auge, prevede l'acquisto di una moto Euro 5 N.d.R.) avrebbero stanziato 1,7 milioni nel 2020 e 20 milioni a partire dal 2021. E' arrivata invece la triste notizia: tutto bocciato, a causa della mancanza di finanziamenti. Da qui, la nostra idea. Se volete proteggervi, sappiate allora che in questa sezione, trovate tutte le nostre offerte e le promozioni relative agli Airbag.

Le immagini sono solo a scopo illustrativo e per la legge sul copyright appartengono ai legittimi proprietari/brand.